ELN 2018
Roche
Janssen Oncology
Ematobase.it

Alto tasso di risposta nel linfoma ENKTL trattato con CS1001, un anticorpo anti-PD-L1


Da uno studio di fase 2 è emerso che il trattamento con CS1001, una immunoterapia sperimentale, presenta una promettente attività antitumorale contro il linfoma extranodale a cellule T/NK ( ENKTL ) recidivato o refrattario, un tipo raro e aggressivo di linfoma non-Hodgkin.

Ad oggi, il 40.9% dei pazienti trattati ha risposto a CS1001 dopo un follow-up mediano di oltre 5 mesi, con il 31.8% che ha raggiunto una remissione completa del linfoma.

CS1001 è un anticorpo completamente umano diretto contro la proteina PD-L1. CS1001 è stato progettato per legarsi e bloccare PD-L1, consentendo alle cellule immunitarie specifiche di uccidere le cellule tumorali.

Negli studi di fase 1 condotti in Cina, CS1001 ha mostrato una buona tollerabilità e una promettente attività antitumorale in diversi tipi di tumore.

E' in corso, in Cina, uno studio di fase 2 in aperto, denominato CS1001-201, che sta valutando CS1001 negli adulti con linfoma ENKTL che erano stati precedentemente trattati con una o più linee di terapia.

Tutti i pazienti arruolati sono trattati con CS1001 a 1200 mg, somministrato per via endovenosa ogni tre settimane per 3 anni o fino a progressione della malattia o all'intolleranza.

Al momento del cut-off dei dati ( giugno 2019 ), 29 persone erano state arruolate nello studio, con un'età media di 44 anni.
La maggior parte aveva una malattia avanzata ( 75.9% con carcinoma in stadio IV ).

E' stato somministrato CS1001 per una mediana di quasi tre mesi ( 11.7 settimane ) e sono stati seguiti per una mediana di 5.6 mesi dopo l'inizio del trattamento.

Dei 22 pazienti con qualifica per le analisi di efficacia, il 40.9% ( 9 persone ) ha risposto al trattamento, con una riduzione parziale o completa del carico tumorale su valutazione degli sperimentatori.

Sette pazienti ( 31.8% ) hanno raggiunto la remissione completa, senza segni rilevabili di linfoma.
Al momento del cutoff dei dati, tutti questi pazienti erano ancora in remissione.

Due persone ( 9.1% ) hanno manifestato una riduzione parziale delle dimensioni del tumore.
Anche un altro paziente ha raggiunto una risposta parziale, ma solo dopo un periodo di pseudoprogressione ( progressione del tumore radiologico dall'inizio del trattamento che non è stata confermata dalle successive valutazioni radiologiche ).

Finora, lo studio ha mostrato che le risposte dei pazienti a CS1001 sono durevoli, con persistenza fino a 8.6 mesi.
Non era ancora disponibile il tasso di risposta valutato radiologicamente.

Quindici pazienti sono rimasti in trattamento, e 14 hanno dovuto interrompere lo studio ( 12 a causa di malattia progressiva, 2 a causa di effetti collaterali ).

La maggior parte dei pazienti ( 86.2% ) ha manifestato eventi avversi correlati al trattamento; tra i più comuni: la febbre ( 20.7% ), aumento plasmatico di TSH ( ormone stimolante la tiroide ) ( 13.8% ), basso numero di globuli bianchi ( 13.8% ) ed eruzione cutanea ( 10.3% ).

Dopo l'interruzione dei dati, altri 2 pazienti hanno raggiunto la remissione completa per un tasso di risposta completo del 36%.

ENKTL è un tipo di linfoma aggressivo, che coinvolge le cellule immunitarie T e NK.
Non esiste un trattamento efficace per i pazienti non-responder alla chemioterapia.
L'incidenza di questo tumore è più alta in Asia, rispetto al Nord America e all'Europa.
In Cina, il linfoma ENKTL rappresenta circa il 6% di tutte le incidenze di linfoma e, in particolare, i pazienti recidivati o refrattari hanno urgenti esigenze cliniche non-soddisfatte.
CS1001-201 è il primo studio clinico a livello mondiale che indaga su un anticorpo anti-PD-L1 nei pazienti con linfoma ENKTL. ( Xagena2019 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Meeting, 2019

Emo2019 Onco2019 MalRar2019 Med2019


Indietro