Janssen Oncology
Roche Ematologia
Linfoma mantellare
ELN 2018

Axicabtagene ciloleucel, esiti e correlati di risposta, resistenza e tossicità


Axicabtagene ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta ) è stato approvato dalla FDA ( Food and Drug Administration ) per il linfoma non-Hodgkin a cellule B aggressivo recidivante in parte sulla base di tassi di remissione durevoli di circa il 40% in una popolazione di studi clinici.

Non è noto se questa efficacia e le percentuali di tossicità siano costanti in un contesto post-commerciale, con criteri di ammissibilità più ampi e terapia ponte.
Uno studio ha descritto i correlati di efficacia e sicurezza e gli esiti in questo contesto.

In tutto 122 pazienti da 7 Centri medici negli Stati Uniti sono stati trattati con Axi-cel e sono stati inclusi in un'analisi intent-to-treat modificata ( mITT ).
76 pazienti ( 62% ) non erano idonei per lo studio ZUMA-1.

I tassi di risposta e di tossicità, la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza e le covariate sono state descritte sulla base della popolazione mITT.
Sono stati eseguiti studi correlativi su campioni di sangue e tumore per indagare potenziali biomarcatori di risposta e resistenza.

Il follow-up mediano è stato di 10.4 mesi.

Nella popolazione mITT, i migliori tassi di risposta globale ( ORR ) e di risposta completa ( CR ) sono stati rispettivamente del 70% e del 50%.
La durata mediana di risposta e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) sono state di 11.0 e 4.5 mesi in tutti i pazienti e non sono state raggiunte ( NR ) nei pazienti con risposta completa.
La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta; la sopravvivenza globale a 1 anno è stata del 67%.

Sebbene i tassi di risposta fossero simili nei gruppi idonei a ZUMA-1 e in quelli non-idonei a ZUMA-1 ( 70% vs 68% ), c'è stato un miglioramento statisticamente significativo nel tasso di risposta completa ( 63% vs 42%, P=0.016 ), durata della risposta ( mediana, non-raggiunta vs 5.0 mesi; P=0.014 ), sopravvivenza libera da progressione ( mediana, non-raggiunta vs 3.3 mesi; P=0.020 ) e sopravvivenza globale ( a 1 anno, 89% vs 54%; P minore di 0.001 ) nei pazienti che erano eleggibili per ZUMA-1.

I tassi di sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore e neurotossicità sono stati rispettivamente del 16% e del 35%.

Axi-cel produce tassi simili di risposta globale e tossicità in contesti commerciali e sperimentali, sebbene i tassi di risposta completa e durata della risposta siano stati più favorevoli nei pazienti eleggibili per lo studio ZUMA-1. ( Xagena2020 )

Jacobson CA et al, J Clin Oncol 2020; 38: 3095-3106

Emo2020 Onco2020 Med2020



Indietro