Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Celgene Ematologia

Bassa incidenza di malattie fungine invasive dopo terapia CAR-T diretta contro CD19 per il linfoma non-Hodgkin


La terapia con cellule CAR-T ha rivoluzionato il trattamento delle neoplasie ematologiche, sebbene il suo uso possa essere complicato da tossicità, tra cui la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ), la sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici del sistema immunitario ( ICANS ) e le infezioni.

La malattia fungina invasiva è stata segnalata dopo la terapia con cellule CAR-T, ma l'incidenza in assenza di profilassi antimicotica è sconosciuta.
Le strategie di profilassi ottimale sono ampiamente dibattute.

È stato condotto uno studio retrospettivo a singolo centro su 280 adulti che hanno ricevuto la terapia con cellule CAR-T dirette contro CD19 per il linfoma non-Hodgkin ( NHL ) dal 2017 al 2021.
I pazienti non hanno ricevuto profilassi anticandida o antifungina di routine.

La malattia fungina invasiva è stata identificata tra il giorno dell'infusione cellulare e l'ultimo follow-up.
Le funzioni di incidenza cumulativa sono state calcolate a 100 giorni e 18 mesi in base al tempo di malattia fungina invasiva, utilizzando le date di morte senza malattia fungina invasiva, l'inizio del trattamento di salvataggio e il trapianto di cellule ematopoietiche come rischi concorrenti.

In tutto 8 pazienti ( 2.9% ) hanno sviluppato malattia fungina invasiva, tra cui 3 polmonite da Pneumocystis jirovecii, 3 infezioni invasive fungine e 2 infezioni invasive da candida.
L'incidenza cumulativa a 100 giorni di malattia fungina invasiva che tiene conto dei rischi concorrenti è stata dell'1.8%.

Tra i 280 pazienti, erano comuni le tossicità precoci tra cui sindrome CRS ( 85% ) e neurotossicità ICANS ( 55% ) e le tossicità tardive dopo il giorno 30 tra cui neutropenia di grado 3 e 4 ( 41% ) e bassa conta dei linfociti T CD4 ( 20% ).

La malattia fungina invasiva è risultata rara tra i pazienti che hanno ricevuto la terapia con cellule CAR-T anti-CD19 per linfoma non-Hodgkin in assenza di profilassi antimicotica di routine, nonostante le frequenti tossicità.
Questi risultati hanno indicato che, in contesti con bassi tassi istituzionali di malattia fungina invasiva, la profilassi antimicotica di routine potrebbe non essere indicata. ( Xagena2022 )

Little JS et al, Blood Adv 2022; 6: 4821-4830

Emo2022 Onco2022 Inf2022 Med2022 Farma2022



Indietro