Janssen Oncology
Roche
ELN 2018
Ematobase.it

Brentuximab vedotin, Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina per il linfoma di Hodgkin classico a stadio limitato non-bulky


Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ) con o senza radiazioni è la terapia standard per il linfoma di Hodgkin a stadio limitato, ma comporta rischi di lesioni polmonari indotte dalla Bleomicina e tossicità da radiazioni.

Brentuximab vedotin ( Adcetris ) è altamente attivo per il linfoma di Hodgkin recidivato ed è stato recentemente approvato con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime AVD ) per linfoma di Hodgkin in stadio III / IV non-trattato in precedenza.

In uno studio multicentrico di fase 2 è stato valutato Brentuximab-AVD per linfoma di Hodgkin di stadio I/II non-bulky.
I pazienti hanno ricevuto un ciclo iniziale di monoterapia con Brentuximab vedotin nei giorni 1 e 15, seguito da una scansione esplorativa di tomografia ad emissione di positroni / tomografia computerizzata ( PET-CT ).
I pazienti hanno quindi ricevuto Brentuximab-AVD per 4-6 cicli in base a PET-CT provvisoria dopo il ciclo 2.

Sono stati arruolati 34 pazienti con un'età media di 36 anni.

Il rischio è stato precocemente favorevole nel 62% e sfavorevole nel 38% dei pazienti. Il miglior tasso di risposta completa è stato del 100%.

A un follow-up mediano di 38 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state rispettivamente del 94% e del 97%.

Gli eventi avversi più comuni sono stati neuropatia sensoriale periferica ( 79% ), neutropenia ( 76% ), affaticamento ( 74% ) e nausea ( 71% ).

Le tossicità più comuni di grado 3/4 sono state neutropenia ( 62% ), neutropenia febbrile ( 35% ) e neuropatia sensoriale periferica ( 24% ).
Un paziente anziano è deceduto per sepsi neutropenica nel primo ciclo di Brentuximab-AVD.

Nel 38% dei pazienti sono state necessarie riduzioni della dose di Brentuximab, la maggior parte per neuropatia periferica.

In conclusione, Brentuximab-AVD senza Bleomicina o radioterapia ha prodotto un alto tasso di risposta completa, con la maggior parte dei pazienti che ha richiesto solo 4 cicli totali di terapia.
Poiché la tossicità è stata superiore rispetto a quanto atteso dal solo regime AVD, questo metodo potrebbe non essere appropriato per i pazienti in fase iniziale con una prognosi altamente favorevole. ( Xagena2019 )

Abramson JS et al, Blood 2019; 134: 606-613

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro