Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Brentuximab Vedotin più Nivolumab come strategia non-chemioterapica per il linfoma di Hodgkin nei pazienti anziani


Uno studio clinico di fase 2 ha mostrato che la combinazione di Brentuximab vedotin ( Adcetris ) e di Nivolumab ( Opdivo ) è risultata ben tollerata e attiva nei pazienti anziani con linfoma di Hodgkin precedentemente non-trattato con comorbidità; tuttavia, lo studio non ha soddisfatto i criteri di attività prespecificati.

Sebbene il linfoma di Hodgkin sia potenzialmente curabile con la terapia standard, i pazienti più anziani tendono ad avere esiti peggiori, e a manifestare una maggiore tossicità rispetto ai pazienti più giovani.


Ricercatori del Lymphoma Research Foundation di New York ( Stati Uniti ) e di altri otto Centri oncologici hanno valutato l'efficacia e la sicurezza di Brentuximab vedotin più Nivolumab ( somministrazione per via endovenosa di 1.8 mg/kg e 3 mg/kg, rispettivamente; ogni 21 giorni per 8 cicli ) nei pazienti anziani non-trattati ( età superiore ai 60 anni ) con linfoma di Hodgkin o nei pazienti più giovani non-idonei alla terapia standard ( performance status ECOG, 0-2 ) in uno studio di fase 2 a braccio singolo.

L'endpoint primario era la risposta globale ( risposta metabolica parziale o risposta metabolica completa ) alla fine di 8 cicli di trattamento.

Nel periodo 2016-2019, 46 pazienti ( età media, 71.5 anni; con 2 pazienti di età inferiore ai 60 anni ) sono stati arruolati nello studio.
La durata mediana del follow-up è stata di 21.2 mesi ( IQR, 15.6-29.9 ). La maggior parte dei pazienti ( 76% ) ha completato tutti e 8 i cicli di trattamento.

Per 25 pazienti valutabili all'analisi ad interim ( 11 ottobre 2019 ), il tasso di risposta globale è stato del 64% ( IC 95%, 43-82 ).
Una risposta metabolica completa e parziale è stata ottenuta rispettivamente nel 52% e nel 12%.
Poiché la sperimentazione non ha soddisfatto i criteri di attività prespecificati, la sperimentazione è stata chiusa per maturazione il 14 ottobre 2019.

Per l'analisi finale di 46 pazienti valutabili, il 48% e il 13% dei pazienti hanno ottenuto una risposta metabolica completa e parziale, rispettivamente, per un tasso di risposta globale del 61% ( IC 95%, 45-75 ).

In totale, il 24% dei pazienti ha interrotto precocemente il trattamento: 2 pazienti hanno rifiutato la terapia, 6 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi, 1 paziente per progressione della malattia, 1 paziente ha interrotto il trattamento a discrezione del medico e 1 paziente per decesso.

Sono stati effettuati aggiustamenti della dose nel 30% dei pazienti, principalmente a causa della neurotossicità. La neuropatia periferica si è verificata nel 48% dei pazienti ( grado 3, 5 pazienti ).

Eventi avversi di grado 4 si sono verificati in 4 pazienti ( aumento delle aminotransferasi, 1 paziente; aumento della lipasi o amilasi, 2 pazienti; pancreatite, 1 paziente ).

Il decesso ( 1 paziente ) è stato causato da arresto cardiaco, che potrebbe essere stato correlato al trattamento.

Il tasso di risposta globale all'analisi ad interim doveva essere dell'80%; è stato ipotizzato che questo tasso non sia stato raggiunto a causa delle comorbidità dei pazienti.
Inoltre, la durata del trattamento è stata di soli 8 cicli.

Secondo gli Autori, sebbene il tasso di risposta globale al completamento del trattamento fosse inferiore a quanto previsto, lo studio ha dimostrato che i pazienti selezionati con linfoma di Hodgkin possono trarre beneficio a lungo termine da un regime non-chemioterapico con sopravvivenza libera da progressione a lungo termine, in particolare quelli che hanno raggiunto una risposta metabolica completa. ( Xagena2020 )

Fonte: The Lancet Hematology, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro