ELN 2018
Roche
Ematobase.it
Janssen Oncology

Caratteristiche virali, immunologiche e cliniche del linfoma primitivo effusivo


Il linfoma primitivo effusivo ( PEL ) è un linfoma aggressivo associato all'HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) con una prognosi relativamente sfavorevole nell'era delle terapie efficaci dell'HIV.
L’herpesvirus del sarcoma di Kaposi ( KSHV ) è l'agente eziologico e l'80% dei tumori è coinfettato con il virus di Epstein-Barr ( EBV ).

Una migliore comprensione di come la disregolazione immunitaria correlata al KSHV contribuisca alla storia naturale del linfoma primitivo effusivo migliorerà gli esiti.

Sono stati identificati 20 pazienti con linfoma primitivo effusivo diagnosticato tra il 2000 e il 2013, di cui 19 trattati con infusione del regime EPOCH modificato, a base di Etoposide, Vincristina e Doxorubicina con Ciclofosfamide e Prednisone.

Sono state confrontate le caratteristiche cliniche, virologiche e immunologiche rispetto a quelle di 20 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B associato all'HIV e 19 pazienti con malattia di Castleman multicentrica associata a virus KSHV associata a interleuchina 6 ( IL-6 ).

Sono state quindi condotte analisi di sopravvivenza dei pazienti affetti da linfoma primitivo effusivo trattati con l'obiettivo di identificare i fattori prognostici e la mortalità specifica per il tumore.

Rispetto al linfoma diffuso a grandi cellule B associato ad HIV, il linfoma primitivo effusivo è risultato associato a significativa ipoalbuminemia ( P minore di 0.0027 ), trombocitopenia ( P=0.0045 ) e livelli elevati di IL-10 ( P minore di 0.0001 ).

Non ci sono state differenze significative in questi parametri tra linfoma primitivo effusivo e malattia di Castleman multicentrica associata a virus KSHV.

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti con linfoma primitivo effusivo trattati è stata di 22 mesi, con un plateau di sopravvivenza notato dopo 2 anni.

La sopravvivenza specifica per il tumore a 3 anni è stata del 47%.

Lo stato tumorale EBV-positivo è risultato associato a una migliore sopravvivenza ( hazard ratio, HR=0.27; P=0.038 ) e un elevato livello di IL-6 era associato a più bassa sopravvivenza ( HR=6.1; P=0.024 ).

L’analisi ha mostrato che i livelli di IL-6 e IL-10 contribuiscono alla storia naturale del linfoma primitivo effusivo.
Le citochine infiammatorie e lo stato EBV del tumore erano i fattori prognostici più forti.
I regimi di prima linea diretti dalla patogenesi sono necessari per migliorare la sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma primitivo effusivo. ( Xagena2019 )

Lurain K et al, Blood 2019; 133: 1753-1761

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro