Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Compromissione neurocognitiva associata a morbilità cronica nei sopravvissuti a lungo termine al linfoma di Hodgkin


La radioterapia toracica è associata a significative morbilità cardiopolmonari nei sopravvissuti al linfoma di Hodgkin a lungo termine e può influenzare gli esiti neurocognitivi.

Sopravvissuti ( n=204; 52.5% donne; età media, 36.6 anni ) trattati con radioterapia toracica e controlli comunitari abbinati per età, sesso ed etnia ( n=205; 51.7% donne; età, 36.7 anni ) hanno completato test neurocognitivi standardizzati, ecocardiografia, test di funzionalità polmonare e studi vascolari durante la stessa visita.

I trattamenti sono stati estratti dalle cartelle cliniche. Condizioni di salute croniche cardiache ( frazione di eiezione ventricolare sinistra FEVS, strain ( deformazione ) longitudinale globale GLS ), vascolari ( elasticità delle piccole arterie [ SAE ], elasticità delle grandi arterie [ LAE ] ), polmonari ( capacità di diffusione dei polmoni per il monossido di carbonio DLCO e volume espiratorio forzato FEV1 ) sono state valutate per associazioni con prestazioni neurocognitive aggiustate per età utilizzando la regressione lineare multivariata.

Rispetto ai controlli, i sopravvissuti hanno avuto prestazioni inferiori ( P minore di 0.05 ) in termini visuomotori ( 0.11 vs 0.41 ), velocità di elaborazione visiva ( 0.25 vs 0.64 ), ricordo a breve termine ( -0.24 vs 0.12 ) e flessibilità ( -0.04 vs 0.28 ).

I sopravvissuti hanno avuto una funzione polmonare ( FEV1, DLCO corr ), cardiaca ( FEVS, GLS ) e vascolare ( SAE ) inferiore rispetto ai controlli ( tutti P inferiore a 0.001 ). FEV1 è stata associata alla velocità di elaborazione visuo-motoria ( P=0.008 ), alla velocità di elaborazione visiva ( P=0.05 ) e alla flessibilità ( P=0.05 ).

Lo strain longitudinale globale è risultato associato al ricordo a breve termine ( P=0.03 ), mentre l'elasticità delle piccoli arterie era associata alla flessibilità ( P=0.007 ).

Gli esiti neurocognitivi sono anche associati a condizioni neurologiche croniche da moderate a gravi ( P minore di 0.05 ).

I risultati hanno indicato un legame tra reperti cardiopolmonari e vascolari subclinici, morbilità neurologica e disturbi neurocognitivi. La prevenzione della morbilità sanitaria può apportare benefici agli esiti neurocognitivi. ( Xagena2023 )

Phillips NS et al, Blood Adv 2023; 7: 7270-7278

Emo2023 Onco2023 Cardio2023 Neuro2023



Indietro