Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Efficacia di Tisagenlecleucel nel linfoma primitivo del sistema nervoso centrale, refrattario


I risultati di uno studio di fase I/II hanno evidenziato che la terapia CAR-T anti-CD19 con Tisagenlecleucel ( Kymriah ) è efficace e presenta un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con linfoma primitivo del sistema nervoso centrale ( PCNSL ) refrattario.
Lo studio è stato intrapreso per esaminare questo gruppo di pazienti in modo specifico perché gli studi che hanno portato all'approvazione di Tisagenlecleucel hanno escluso i pazienti con linfoma PCNSL.

Data la mancanza di dati di efficacia e di sicurezza per Tisagenlecleucel nei pazienti con linfoma PCNSL e la significativa necessità di trattamento in questa popolazione, sono stati esaminati i risultati di 12 pazienti con linfoma PCNSL recidivante che hanno ricevuto la terapia in uno studio di fase 1/2.

Durante la fase 1 dello studio, sono stati presi in esame 6 pazienti per tossicità uniche correlate al trattamento con la dose approvata di 0.6-6.0e8 di cellule T CAR+.
Dopo la revisione da parte di un Comitato di monitoraggio della sicurezza dei dati, altri 6 pazienti sono stati autorizzati a sottoporsi al trattamento come parte dell'espansione di fase 2.

L'endpoint primario dello studio era la tollerabilità e la tossicità, inclusi il tasso e il grado della sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) e la sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici della risposta immune ( ICANS ).
E' stato anche esaminato il tasso di risposta globale ( ORR ) e il tasso di risposta completo ( CRR ).

Il periodo mediano dalla leucoaferesi all'infusione è stato di 33 giorni e l'intervallo mediano tra l'infusione e il cutoff dei dati è stato di 12.2 mesi.
L'età mediana dei pazienti al basale era di 63 anni ( range = 34-81 ).
La maggior parte dei pazienti ha mostrato un coinvolgimento parenchimale e solo un paziente presentava una malattia leptomeningea isolata.
Dei 12 pazienti nello studio, 5 avevano un performance status ECOG di 2 o superiore all'infusione.

Prima dell'arruolamento, tutti i pazienti erano stati pesantemente pretrattati e avevano ricevuto una mediana di quattro linee precedenti di terapia antineoplastica.
I pazienti erano progrediti o avevano subito un fallimento con Metotrexato ad alte dosi di prima linea e 3 pazienti erano stati precedentemente sottoposti a trapianto autologo di cellule ematopoietiche con condizionamento a base di Tiotepa.
I pazienti avevano una malattia refrattaria a un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton [ BTK ] ( n=12 ) e al farmaco immunomodulatore ( IMiD; n=4 ).

La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) di grado 1 è stata riportata in 7 pazienti entro un periodo mediano di 4 giorni dall'infusione ed è durata una mediana di 2 giorni.
Sei dei 12 pazienti trattati hanno sviluppato sindrome ICANS, di cui 2 di grado 2 e 1 di grado 3 in gravità.

Di 7 pazienti con risposte al trattamento ( 58.3% ), 6 hanno avuto risposte complete e 1 ha avuto una risposta parziale.

Durante il periodo mediano di follow-up di 12.2 mesi dall'infusione al cutoff dei dati, 7 pazienti erano vivi e 3 non avevano progressione della malattia.
Il tempo mediano alla risposta al trattamento era entro 1 mese e i pazienti hanno ottenuto la loro migliore risposta con una mediana di 3.4 mesi.

Il Tisagenlecleucel si è espanso nel sangue periferico dei pazienti e si è trasferito al sistema nervoso centrale.
In una analisi esplorativa, i ricercatori hanno trovato firme dei geni dei linfociti T, dei linfociti T CAR+ e dei macrofagi nel liquido cerebrospinale dopo l'infusione.

Sebbene i ricercatori abbiano notato che questo studio rappresenta la prima e la più ampia indagine sulla sicurezza e l'efficacia di Tisagenlecleucel nel linfoma PCNSL, lo studio è limitato dalla piccola dimensione del campione.

Tuttavia, i dati hanno dimostrato che la terapia CAR-T diretta contro CD19 è promettente nelle neoplasie ematologiche, e hanno indicato che l'ampliamento dell'impiego di Tisagenlecleucel ai pazienti con linfoma primitivo del sistema nervoso centrale può migliorare gli esiti clinici in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2022 )

Fonte: Blood, 2022

Emo2022 Onco2022 Med2022 Neuro2022 Farma2022


Indietro