Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Esiti dei pazienti con linfoma aggressivo a cellule B dopo fallimento della terapia con cellule CAR-T anti-CD19: analisi DESCAR-T


La terapia con cellule CAR-T anti-CD19 rappresenta un importante progresso nel trattamento dei linfomi a cellule B aggressivi recidivanti / refrattari.
Tuttavia, un numero significativo di pazienti va incontro a fallimento.

Tra i 550 pazienti presenti nel Registro francese DESCAR-T, 238 ( 43.3% ) hanno manifestato progressione / recidiva, con un follow-up mediano di 7.9 mesi.

Al momento della registrazione, il 57.0% dei pazienti presentava un punteggio IPI ( International Prognostic Index ) aggiustato per età compreso tra 2 e 3; il 18.9% aveva un ECOG performance status maggiore o uguale a 2; il 57.1% aveva ricevuto 3 o più linee di trattamento prima di ricevere le cellule CAR-T, e l'87.8% aveva ricevuto una terapia ponte.

All'infusione, il 66% dei pazienti presentava malattia progressiva e il 38.9% presentava livelli elevati di lattato deidrogenasi ( LDH ).
Il fallimento dopo il trattamento con cellule CAR-T si è verificato dopo una mediana di 2.7 mesi.

In tutto 54 pazienti ( 22.7% ) hanno presentato un fallimento molto precoce ( giorno D0-D30 ); 102 ( 42.9% ) un fallimento precoce ( D31-D90 ) e 82 ( 34.5% ) un fallimento tardivo ( superiore a D90 ).

Dopo il fallimento, 154 pazienti ( 64% ) aveva ricevuto un trattamento di salvataggio: il 38.3% era stato trattato con Lenalidomide, il 7.1% con anticorpi bispecifici, il 21.4% con un trattamento mirato, l'11% sottoposto a radioterapia e il 20% immunochemioterapia con vari regimi.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 2.8 mesi e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 5.2 mesi.

La sopravvivenza mediana globale per i pazienti che hanno fallito durante il periodo D0-D30 versus dopo D30 è risultata rispettivamente di 1.7 mesi versus 3.0 mesi ( P=0.0001 ). Complessivamente, il 47.9% dei pazienti era vivo a 6 mesi, ma solo il 18.9% era vivo dopo un fallimento molto precoce.

All'analisi multivariata, i predittori di sopravvivenza globale sono stati: alti livelli di LDH all'infusione, tempo al fallimento di CAR-T inferiore a D30 ( giorno 30 ) e alta proteina C-reattiva all'infusione.

Questa analisi multicentrica ha confermato lo scarso esito dei pazienti con recidiva dopo il trattamento con cellule CAR-T, evidenziando la necessità di ulteriori strategie dedicate a questa popolazione. ( Xagena2022 )

Di Blasi R et al, Blood 2022; 140: 2584-2593

Emo2022 Onco2022 Med2022 Farma2022



Indietro