Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Janssen Oncology

I livelli di interleuchina-6 possono predire la sopravvivenza libera da progressione nel linfoma di Hodgkin recidivante / refrattario trattato con Nivolumab


Una ricerca ha dimostrato che tra i pazienti con linfoma di Hodgkin recidivante o refrattario trattati con Nivolumab ( Opdivo ), i livelli di interleuchina-6 ( IL-6 ) sembrano essere predittivi sia della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) che del tempo alla risposta al trattamento.

Gli inibitori del checkpoint immunitario, tra cui Nivolumab, hanno migliorato gli esiti tra i pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante o refrattario.
I pazienti che ricevono queste immunoterapie per un lungo periodo possono, tuttavia, sviluppare tossicità immuno-correlate, oltre a rappresentare un pesante onere finanziario, suggerendo che determinare la durata ottimale dell'inibizione del checkpoint è una questione urgente in questa popolazione di pazienti.

Per questo studio, sono stati valutati i livelli sierici di PD-L1 solubile ( sPD-L1 ) nonché i livelli sierici di interleuchina-6 e interleuchina-15 ( IL-15 ), per determinare se sono biomarcatori praticabili per gli esiti clinici e la sicurezza in una popolazione dei pazienti con linfoma di Hodgkin recidivante / refrattario trattati con Nivolumab.

Nel complesso, sono stati inclusi i dati dei campioni di siero di 52 pazienti.

A un follow-up mediano di 53 mesi ( range, 20-61 ), il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni è stato del 93%; il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 4 anni è stato del 26% e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 20.6 mesi.

Prima dell'inizio del trattamento, il livello medio di IL-6 dei pazienti era di 7.98 pg/mL, il livello medio di IL-15 era 12.33 pg/mL e il livello medio di PD-L1 era di 9.8 pg/mL.
All'inizio del trattamento, livelli più elevati di IL-6 erano collegati a una maggiore possibilità di sintomi B e di coinvolgimento extranodale.
Anche i livelli solubili di PD-L1 erano correlati positivamente con il volume del tumore prima dell'inizio di Nivolumab.

I pazienti con livelli di IL-6 più bassi ( utilizzando un punto di cutoff di 2.2 pg/mL ) prima dell'inizio della terapia avevano una sopravvivenza senza progressione migliorata ( mediana, 23.7 mesi versus 12.6 mesi tra i pazienti con livelli di IL-6 più alti; P = 0.029 ) e un ridotto tempo alla risposta al trattamento ( mediana, 2.8 mesi vs 8.1 mesi, rispettivamente ).

Dallo studio è emerso che il livello di PD-L1 solubile ha una correlazione positiva con il volume del tumore prima dell'inizio del trattamento con Nivolumab.
Il valore sierico di interleuchina-6 era predittivo per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione e il tempo di risposta dall'inizio di Nivolumab. ( Xagena2021 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Congress, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro