Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

I pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B trattati con anticorpi anti-CD20 hanno una risposta ridotta al vaccino COVID-19


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento con un anticorpo anti-CD20 hanno una risposta alterata al vaccino COVID-19 a RNA messaggero ( mRNA ) Comirnaty ( BNT162b2; Pfizer-BioNTech ).

I pazienti con linfoma B-NHL presentano un rischio maggiore di sviluppare forma grave di COVID-19, ma le risposte al vaccino possono variare in base al trattamento.

Ricercatori hanno cercato di determinare una strategia vaccinale per questi pazienti, sulla base di un campione di popolazione del Tel Aviv Sourasky Medical Center.

Lo studio ha incluso 149 pazienti con linfoma B-NHL; 80 avevano linfoma B-NHL indolente ( i-B-NHL ) e 69 avevano linfoma B-NHL aggressivo ( a-B-NHL ).
Un totale del 19% dei pazienti ( n=28 ) era naïve-al-trattamento, il 37% ( n=55 ) è stato attivamente trattato con un regime di induzione o mantenimento a base di Rituximab / Obinutuzumab ( R/Obi ) e il 44% ( n=66 ) aveva completato il trattamento con il regime R/Obi più di 6 mesi prima di essere vaccinato.

Un totale di 73 pazienti ( 49% ) ha ottenuto una risposta anticorpale al vaccino COVID-19 contro il 98.5% dei controlli sani ( P inferiore a 0.001 ).
Dei pazienti sottoposti a trattamento con il regime R/Obi, il 10.3% ha avuto una risposta anticorpale al vaccino, mentre lo 0% dei pazienti in terapia di mantenimento ha avuto una risposta.

I pazienti naïve al trattamento hanno presentato un tasso di risposta dell'89.3% e i pazienti che hanno completato il trattamento almeno 6 mesi prima della vaccinazione hanno avuto un tasso di risposta del 66.7%.
La sieropositività è aumentata con il tempo dopo l'ultima esposizione alla terapia con il regime R/Obi.

I partecipanti al controllo senza linfoma B-NHL avevano titoli anticorpali più alti ( titolo medio, 1332 ± 1111 U/mL ) rispetto alla coorte B-NHL ( 440 ± 1124 U/mL; P inferiore a 0.001 ).

I pazienti che hanno avuto una qualsiasi esposizione alla terapia anti-CD20 avevano meno probabilità di avere una risposta al vaccino COVID-19.
Anche i pazienti con una conta linfocitaria assoluta ( ALC ) inferiore o uguale a 0.9 x 10(3) micro/L avevano meno probabilità di rispondere al vaccino.

Nel complesso, è improbabile che i pazienti che ricevono un trattamento attivo o di mantenimento con il regime R/Obi sviluppino una risposta umorale al vaccino COVID-19 a mRNA.

Un limite dello studio è l'attenzione posta alla risposta umorale, non è stato valutato il raggiungimento della risposta immunitaria cellulare.
Ricerche precedenti avevano scoperto che nei pazienti con linfoma NHL infettati dal virus che causa COVID-19, SARS-CoV-2, la risposta delle cellule T è stata generalmente preservata, anche nei pazienti che erano stati recentemente esposti ad agenti che riducono le cellule B. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021 Vac2021 Inf2021 Farma2021


Indietro