Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia

Il DNA tumorale circolante può prevedere gli esiti della terapia CAR-T nel linfoma a grandi cellule B


Il DNA tumorale circolante ( ctDNA ) può essere utilizzato per prevedere gli esiti del trattamento con Axicabtagene ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta ) nei pazienti con linfoma a grandi cellule B.

I ricercatori hanno notato che la maggior parte dei pazienti risponde ad Axi-cel, una terapia con cellule T esprimenti il recettore dell'antigene chimerico ( CAR ) anti-CD19, ma molti di questi pazienti alla fine vanno incontro a ricadute.

Uno studio prospettico multicentrico ha valutato il valore prognostico del monitoraggio del ctDNA prima e dopo il trattamento con Axi-cel.

Lo studio ha incluso 72 pazienti: 49 con linfoma diffuso a grandi cellule B, 17 con linfoma follicolare trasformato e 6 con linfoma primitivo del mediastino a cellule B.
Per 69 pazienti ( 96% ) il DNA era adeguato per consentire il monitoraggio del clonotipo tumorale.

Uno degli endpoint chiave dello studio era determinare se le valutazioni basate sul ctDNA all'inizio della linfodeplezione ( pre-LD ) potessero predire la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con un follow-up di almeno 6 mesi.

I risultati hanno mostrato che i pazienti con concentrazioni di ctDNA pre-LD inferiori a 10 LG/mL o 10-100 LG/mL avevano una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e una sopravvivenza globale ( OS ) significativamente migliori rispetto ai pazienti con concentrazioni di ctDNA pre-LD superiori a 100 LG/mL.

Inoltre, i pazienti con concentrazioni di ctDNA pretrattamento più elevate non solo avevano maggiori probabilità di sperimentare la progressione della malattia, ma avevano anche maggiore probabilità di sviluppare una sindrome da rilascio di citochine di grado 2 o superiore e una sindrome da neurotossicità associata a cellule effettrici immunitarie di grado 2 o superiore.

Un altro endpoint chiave dello studio era determinare se la misurazione della malattia minima residua ( MRD ) basata su ctDNA al giorno 28 potesse predire la sopravvivenza libera da progressione.

La sopravvivenza mediana libera da progressione era di 3 mesi nei pazienti positivi per malattia minima residua ( qualsiasi ctDNA rilevabile ) il giorno 28, e non è stata raggiunta nei pazienti che erano MRD-negativi nel giorno 28 ( P inferiore a 0.0001 ).
La sopravvivenza globale mediana era, rispettivamente, di 19 mesi e non-raggiunta ( P = 0.0080 ).

Tra i pazienti con risposta radiografica parziale o malattia stabile al giorno 28, è stata osservata una recidiva in 1 su 10 pazienti con ctDNA non-rilevabile e in 15 su 17 pazienti con ctDNA rilevabile ( P = 0.0001 ).

Quasi tutti i pazienti con recidiva ( 29 su 30 ) avevano ctDNA rilevabile al momento o prima della recidiva radiografica.
I pazienti con una risposta duratura ad Axi-cel presentavano ctDNA non-rilevabile a partire da 3 mesi dopo l'infusione di Axi-cel.

Il ctDNA sembra predire la progressione dopo la terapia CAR-T e dovrebbe essere incorporato come biomarcatore nei futuri studi sulla terapia di consolidamento dopo CAR-T per prevenire le ricadute. ( Xagena2021 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2021

Emo2021 Onco2021 Diagno2021



Indietro