Janssen Oncology
Roche Ematologia
ELN 2018
Ematobase.it

Il linfoma indolente trasformato trae beneficio dal trapianto di cellule staminali alla prima remissione ma c'è un trend di una peggiore sopravvivenza globale


Il trapianto di cellule staminali autologhe alla prima remissione per linfoma a cellule B indolente trasformato non-trattato ha prodotto un miglioramento della durata del controllo di malattia ma ha mostrato una tendenza verso un peggioramento della sopravvivenza globale.

I ricercatori hanno identificato in modo retrospettivo i pazienti con linfoma indolente a cellule B trasformato non-trattato confermato dalla biopsia e idonei al trapianto di cellule staminali autologhe nel periodo 2000-2019 in tre siti in Australia e negli Stati Uniti.

Dei 319 pazienti identificati, l'89% presentava linfoma follicolare. Alla prima remissione, 49 pazienti sono stati sottoposti a chemioterapia e trapianto autologo di cellule staminali.
I ricercatori hanno abbinato una coorte di 98 pazienti in base all'età, allo stadio e allo stato alla diagnosi.

A una media di 3.7 anni di follow-up, è stata riportata una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) del 91% nel gruppo trapianto di cellule staminali e sopravvivenza PFS del 66% nella coorte abbinata ( hazard ratio, HR = 0.51, IC 95%, 0.27-0.98 ).

Dall'analisi multivariata, il trapianto di cellule staminali autologhe e la prima remissione sono stati associati a una sopravvivenza libera da progressione significativamente migliorata con l'aggiustamento di altre importanti covariate nel modello.
Altri fattori associati indipendentemente alla più bassa sopravvivenza libera da progressione sono stati il linfoma a doppia traslocazione, asintomatico alla presentazione e coinvolgimento discordante del midollo osseo.

Dopo un'analisi univariata, il trapianto di cellule staminali autologhe e la prima remissione hanno mostrato una tendenza verso una peggiore sopravvivenza globale.

Più della metà dei pazienti che hanno presentato recidiva nella coorte di trapianto era deceduto all'ultimo follow-up o i pazienti sono deceduti per malattia progressiva e gli altri due per tumori secondari.
In confronto, solo il 10% dei pazienti era morto nella coorte non-trapiantata. ( Xagena2020 )

Fonte: ASCO20 Virtual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020



Indietro