Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Il regime a base di Polatuzumab vedotin ha esteso la sopravvivenza libera da progressione nel linfoma diffuso a grandi cellule B


L'aggiunta di Polatuzumab vedotin ( Polivy ) alla chemioterapia ha esteso significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al trattamento standard di prima linea per i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ).

Il regime sperimentale ha ridotto il rischio di progressione, recidiva o morte del 27%, come hanno dimostrato i risultati dello studio randomizzato di fase 3 POLARIX.
Inoltre, i risultati hanno anche mostrato che i regimi sperimentali e di controllo hanno mostrato profili di sicurezza comparabili.

La chemioterapia R-CHOP, che consiste di Rituximab ( MabThera ) più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone, è stata la terapia standard di prima linea per il linfoma DLBCL di nuova diagnosi per oltre 20 anni.
Tuttavia, si stima che il 40% dei pazienti non tragga beneficio da questo regime.

Negli ultimi 2 decenni, ci sono stati numerosi studi che hanno cercato di migliorare R-CHOP, ma nel complesso, questi tentativi non hanno avuto successo.

Polatuzumab vedotin, un coniugato anticorpo-farmaco anti-CD79b, trova indicazione in combinazione con Rituximab e Bendamustina per il trattamento del linfoma DLBCL recidivante o refrattario.

Un precedente studio di fase 1B/2 ha mostrato che Polatuzumab vedotin ha dimostrato un'attività promettente nell'impostazione di prima linea quando combinato con la chemioterapia R-CHP, che consiste in Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina e Prednisone.

Lo studio internazionale POLARIX in doppio cieco ha incluso 879 pazienti ( età media 65 anni; range 19-80 ) con linfoma DLBCL non-trattato in precedenza.
Tutti i pazienti avevano un indice prognostico internazionale da 2 a 5 e performance status ECOG da 0 a 2.

I 440 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 6 cicli di Polatuzumab vedotin più R-CHP, con placebo anziché Vincristina. Gli altri 439 pazienti hanno ricevuto R-CHOP, con placebo invece di Polatuzumab vedotin.

Il protocollo dello studio comprendeva una dose di 1.8 mg/kg di Polatuzumab vedotin o una dose di 1.4 mg/m2 di Vincristina il giorno 1 di ciascun ciclo di trattamento di 21 giorni.
Il trattamento è continuato per 6 cicli, e tutti i pazienti hanno ricevuto altri 2 cicli di Rituximab alla dose di 375 mg/m2.

La sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore è servita come endpoint primario.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) valutata dallo sperimentatore, il tasso di risposta completa ( ORR ) valutato dal Comitato di revisione indipendente alla fine del trattamento mediante PET/CT, la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

I gruppi di trattamento sperimentale e standard sono apparsi equilibrati per quanto riguarda età ( mediana, 65 anni versus 66 anni ), sesso ( maschi, 54% vs 53% ), presenza di malattia voluminosa ( 44% ciascuno ), rischio IPI ( International Prognostic Index ) alto-intermedio o alto ( 62% ciascuna ), espressione di MYC/BCL2 ( 38% vs 41% ) e riarrangiamento di MYC/BCL2/BCL6 ( 8% vs 6% ).

Il follow-up mediano è stato di 28.2 mesi.

I risultati hanno favorito il regime Polatuzumab più R-CHP per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR = 0.73; IC 95%, 0.57-0.95 ) e la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni ( 76.7% vs 70.2% ).

Non sono state osservate differenze significative nel tasso di risposta completa alla fine del trattamento tra i pazienti assegnati a Polatuzumab vedotin più R-CHP rispetto a quelli assegnati a R-CHOP ( 78% vs 74% ); tuttavia, i risultati della sopravvivenza libera da malattia hanno suggerito che i pazienti assegnati al regime di Polatuzumab vedotin hanno ottenuto risposte più durature ( HR = 0.7; IC 95%, 0.5-0.98 ).

I risultati non hanno mostrato differenze nella sopravvivenza globale tra i gruppi di terapia sperimentale e standard ( HR = 0.95; IC 9%, 0.65-1.37 ).

Al cutoff dei dati, 99 pazienti ( 23% ) assegnati a Polatuzumab vedotin più R-CHP e 133 pazienti ( 30% ) assegnati a R-CHOP avevano ricevuto almeno una successiva terapia anti-linfoma.
Un minor numero di pazienti assegnati al regime a base di Polatuzumab vedotin ha ricevuto successiva radioterapia ( 9.3% vs 13% ), trapianto di cellule staminali ( 3.9% vs 7.1% ) o terapia con cellule CAR-T ( 2% vs 3.6% ).

Sono stati riportati profili di sicurezza comparabili tra il regime sperimentale e quello standard, inclusi i tassi di eventi avversi di qualsiasi grado ( 97.9% vs 98.4% ), eventi avversi di grado 3/4 ( 60.7% vs 59.8% ), eventi avversi gravi ( 34% vs 30.6% ), eventi avversi di grado 5 ( 3% vs 2.3% ), eventi avversi che hanno portato a riduzioni della dose ( 9.2% vs 13% ) e gli eventi avversi che hanno portato all'interruzione di qualsiasi farmaco in studio ( 6.2% vs 6.6% ).

Sono stati anche riportati tassi simili di neuropatia periferica tra i gruppi di terapia sperimentale e standard ( qualsiasi grado, 52.9% vs 53.9%; grado 3 / grado 4, 1.6% contro 1.1% ). ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro