ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

La carenza di Vitamina D nel pretrattamento è associata a compromessa sopravvivenza senza progressione e sopravvivenza globale nel linfoma di Hodgkin


La carenza di Vitamina D è descritta come un fattore di rischio modificabile per l'incidenza e la mortalità in molti tumori comuni; tuttavia, i dati nel linfoma di Hodgkin ( HL ) sono scarsi.

È stato condotto uno studio per misurare i livelli di Vitamina D pretrattamento in pazienti trattati prospetticamente con linfoma di Hodgkin e correlarli con gli esiti clinici. Sono stati inclusi 351 pazienti provenienti dagli studi clinici del German Hodgkin Study Group ( HD7, HD8 e HD9 ).

Il 50% dei pazienti presentava carenza di Vitamina D ( inferiore a 30 nmol/l ) prima della chemioterapia pianificata.
Il deficit di Vitamina D pretrattamento era più comune nei pazienti recidivanti / refrattari rispetto ai controlli liberi da recidiva associati ( Vitamina D basale mediana, 21.4 nmol/l vs 35.5 nmol/l; proporzione con carenza di Vitamina D, 68% vs 41%; P minore di 0.001 ).

I pazienti con carenza di Vitamina D avevano una ridotta sopravvivenza libera da progressione ( differenza a 10 anni, 17.6%; hazard ratio, HR=2.13; P minore di 0.001 ) e sopravvivenza complessiva ( differenza a 10 anni, 11.1%; HR=1.82; P minore di 0.001 ), costante tra studi e gruppi di trattamento.

È stato dimostrato che lo stato della vitamina D è un predittore indipendente di esito e si è ipotizzato che lo stato della vitamina D possa essere importante per la chemiosensibilità del linfoma di Hodgkin.

Successivamente sono stati eseguiti esperimenti integrando le dosi fisiologiche di Vitamina D ( Calcitriolo ) alle linee cellulari di linfoma di Hodgkin in coltura ed è stato dimostrato un aumento degli effetti antiproliferativi in ​​combinazione con la chemioterapia.

In un modello animale con xenotrapianto-HL è stato dimostrato che l'aggiunta di Vitamina-D ( integratore alimentare, Colecalciferolo ) migliora la chemiosensibilità dei tumori riducendo il tasso di crescita del tumore rispetto alla sola Vitamina-D o alla sola chemioterapia.

Sulla base dei risultati clinici e preclinici, lo screening e la terapia sostitutiva a base di Vitamina-D siano incorporati in futuri studi clinici randomizzati per chiarire correttamente il ruolo della terapia sostitutiva con Vitamina-D nel linfoma di Hodgkin. ( Xagena2019 )

Borchmann S et al, J Clin Oncol 2019; 37: 3528-3537

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro