Roche Ematologia
Janssen Oncology
ELN 2018
Ematobase.it

La progressione della malattia entro 24 mesi nel linfoma follicolare è associata a ridotta infiltrazione immunitaria intratumorale


La comprensione dell'immunobiologia dal 15% al ​​30% dei pazienti con linfoma follicolare che manifestano progressione della malattia entro 24 mesi ( POD24 ) rimane una priorità.
I tumori solidi con bassi livelli di infiltrazione immunitaria intratumorale hanno esiti inferiori.
Non è noto se esiste una relazione simile tra progressione della malattia entro 24 mesi e linfoma follicolare.

L'espressione genica usando un set di codici personalizzato ( 5 molecole effettori immunitari, 6 checkpoint immunitari, 1 molecole macrofagiche ) è stata applicata a una coorte di scoperta di pazienti con linfoma follicolare in stadio iniziale e avanzato ( n=132 ).
Sono state eseguite analisi del repertorio dei recettori delle cellule T, citometria di flusso, immunofluorescenza multispettrale e sequenziamento di nuova generazione.

Il profilo di infiltrazione immunitaria è stato validato in due coorti indipendenti di pazienti con linfoma follicolare in stadio avanzato che richiedevano un trattamento sistemico ( n=138, Rituximab più Ciclofosfamide, Vincristina, Prednisone; n=45, Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ), quest'ultimo scelto per consentire il confronto dei pazienti che manifestano un evento di progressione della malattia entro 24 mesi con quelli senza progressione a 5 anni o più.

Le molecole immunitarie hanno mostrato un clustering distinto, caratterizzato da una espressione alta o bassa indipendentemente dalla categorizzazione come effettore immunitario, checkpoint immunitario o molecola macrofagica.

La bassa espressione del PD-L2 era il marcatore più sensibile / specifico per individuare i pazienti con esiti avversi.
L'espressione di PD-L2 è stata pertanto scelta per distinguere le biopsie di linfoma follicolare con infiltrazione immunitaria HI ( cioè PD-L2 alto ) da tumori con infiltrazione immunitaria LO ( cioè PD-L2 basso ).

I tessuti con infiltrazione immunitaria HI erano altamente infiltrati con macrofagi e popolazioni espanse di cloni di cellule T.

Il sottogruppo di infiltrazione immunitaria LO dei pazienti con linfoma follicolare è risultata arricchita per eventi di progressione delal malattia entro 24 mesi ( odds ratio OR, 4.32; c-statistica, 0.81; P=0.001 ), validato nelle coorti indipendenti ( Rituximab più Ciclofosfamide, Vincristina, Prednisone: OR, 2.95; c-statistica, 0.75; P=0.011; e Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e prednisone: OR, 7.09; c-statistica, 0.88; P=0.011 ).

Le mutazioni erano equamente proporzionate tra i tessuti, il che indicava che il grado di infiltrazione immunitaria stava rappresentando aspetti della biologia del linfoma follicolare distinti dal suo profilo mutazionale.

La valutazione dell'immunoinfiltrazione mediante espressione di PD-L2 è uno strumento promettente che permette di identificare i pazienti a rischio di progressione della malattia. entro 24 mesi. ( Xagena2019 )

Tobin JWD et al, J Clin Oncol 2019; 37: 3300-3309

Emo2019 Onco2019



Indietro