Janssen Oncology
ELN 2018
Roche Ematologia
Ematobase.it

La risposta alla linfodeplezione ha un impatto sulla sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con linfoma non-Hodgkin aggressivo trattato con cellule CAR-T anti-CD19


Non sono stati identificati i fattori associati alla remissione duratura dopo l'immunoterapia con cellule T modificate con recettore dell'antigene chimerico CD19 ( CAR ) per linfoma non-Hodgkin ( NHL ) a cellule B aggressivo.

Si segnalano analisi multivariabili di fattori che influenzano la risposta e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti con linfoma NHL aggressivo trattati con Ciclofosfamide e linfodeplezione da Fludarabina seguiti da 2 x 106 cellule/kg CAR-T dirette contro CD19.

Il miglior tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 51%, con il 40% dei pazienti che ha raggiunto la remissione completa.

La sopravvivenza PFS mediana dei pazienti con linfoma NHL aggressivo che hanno raggiunto la remissione completa è stata di 20.0 mesi ( follow-up mediano, 26.9 mesi ).

L'analisi multivariabile delle caratteristiche cliniche e di trattamento, i biomarcatori sierici e la produzione di cellule CAR-T e i dati di farmacocinetica hanno mostrato che un livello pre-linfodeplezione di lattato deidrogenasi ( LDH ) nel siero inferiore e un profilo favorevole delle citochine, definito come livello sierico di proteina chemioattrattante i monociti 1 ( MCP-1 ) al giorno 0 e concentrazioni di picco di interleuchina-7 ( IL-7 ) al di sopra della mediana, sono state associate a una migliore sopravvivenza libera da progressione.

Le concentrazioni di MCP-1 e IL-7 sono aumentate dopo linfodeplezione, e una maggiore intensità di linfodeplezione di Ciclofosfamide e Fludarabina è stata associata a una maggiore probabilità di un profilo favorevole di citochine.

La sopravvivenza PFS è risultata superiore nei pazienti che hanno ricevuto linfodeplezione ad alta intensità e hanno raggiunto un profilo di citochine favorevole rispetto a quelli che hanno ricevuto la stessa intensità di linfodeplezione senza raggiungere un profilo di citochine favorevole.

Anche nei pazienti ad alto rischio con livelli di LDH sierici pre-linfodeplezione al di sopra del normale, un profilo favorevole di citochine dopo linfodeplezione è stato associato a un basso rischio di un evento di sopravvivenza PFS.

Le strategie per aumentare la risposta delle citochine alla linfodeplezione potrebbero essere valutate in studi futuri sull'immunoterapia con cellule CAR-T anti-CD19 per linfoma non-Hodgkin a cellule B aggressivo. ( Xagena2019 )

Hirayama AV et al, Blood 2019; 133: 1876-1887

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro