Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

La terapia con cellule CAR-T anti-CD30 appare sicura ed efficace nel linfoma di Hodgkin avanzato


Una nuova terapia CAR-T anti-CD30 ha conferito un alto tasso di risposte durature tra i pazienti con linfoma di Hodgkin fortemente pretrattato che sono stati sottoposti a linfodeplezione a base di Fludarabina.
Lo studio di fase 1/2 ha anche mostrato che la terapia aveva un profilo di sicurezza accettabile, senza eventi avversi di alto grado.

Le cellule T esprimenti un recettore chimerico per l'antigene ( CAR ) [ CAR-T ] utilizzate in questo studio erano dirette verso la proteina CD30 sulla superficie delle cellule tumorali, con alto tasso di diffusione nel linfoma di Hodgkin.
Le terapie con cellule CAR T precedentemente approvate avevano come target la proteina CD19.

Lo studio ha incluso 41 pazienti ( età media, 35 anni; range, 17-69; 67% uomini ) con linfoma di Hodgkin recidivante o refrattario che hanno ricevuto terapia con cellule CAR T anti-CD30.
I pazienti avevano ricevuto una mediana di sette precedenti linee di terapia ( range, 2-23 ).
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a chemioterapia di linfodeplezione con Bendamustina da sola, Bendamustina e Fludarabina oppure Ciclofosfamide e Fludarabina prima di ricevere cellule CAR-T.

La sicurezza era l'endpoint primario, con i ricercatori che hanno cercato di stabilire la dose più sicura della terapia per future sperimentazioni.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta globale ( ORR ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Dieci pazienti hanno sviluppato sindrome da rilascio di citochine ( CRS ); tuttavia, tutti i pazienti hanno manifestato casi di grado 1 che si sono risolti senza la necessità di successivi trattamenti con Tocilizumab o steroidi.
Non è stata riscontrata neurotossicità.

Tra i 32 pazienti con malattia attiva sottoposti a linfodeplezione con un regime a base di Fludarabina, i risultati hanno mostrato un tasso ORR del 72%, con 19 pazienti ( 59% ) che hanno ottenuto una risposta completa. Quattro pazienti ( 13% ) hanno avuto una risposta parziale, mentre tre pazienti ( 9% ) hanno presentato una malattia stabile e sei ( 19% ) malattia in progressione.

Dopo un follow-up mediano di 533 giorni, è stato riportato un tasso di sopravvivenza senza progressione ( PFS ) a 1 anno del 36% ( IC 95%, 21-51 ) e un tasso di sopravvivenza OS a 1 anno del 94% ( IC 95%, 79-99 ).

Solo i pazienti sottoposti a linfodeplezione con Fludarabina hanno presentato una risposta alla terapia con cellule CAR-T anti-CD30.
Il tasso ORR era zero tra i cinque pazienti che avevano avuto linfodeplezione senza Fludarabina, 80% tra i 15 pazienti che erano stati sottoposti a linfodeplezione con Bendamustina più Fludarabina e 65% tra i 17 pazienti che avevano ricevuto linfodeplezione con Ciclofosfamide e Fludarabina. ( Xagena2020 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2020

Emo2020 Onco2020 Med2020 Farma2020


Indietro