Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Janssen Oncology

Linfoma avanzato: la combinazione di cellule NK con anticorpo bispecifico ha mostrato una significativa attività


I risultati di uno studio di fase 1/2 hanno evidenziato che le cellule natural killer ( NK ) combinate con un anticorpo bispecifico sono state in grado di indurre una risposta in quasi il 90% dei pazienti con linfoma CD30-positivo recidivante o refrattario.

Tutti i pazienti che hanno ricevuto la dose raccomandata di fase 2 della terapia sperimentale hanno ottenuto una risposta obiettiva ( ORR ).

L'approccio sperimentale si è basato su un ampio lavoro preclinico presso l'MD Anderson Cancer Center ( University of Texas; USA ), che aveva scoperto che le cellule natural killer preattivate con citochine, espanse e precomplessate con AFM13, un anticorpo bispecifico, avevano indotto nei modelli murini risposte maggiori rispetto alle cellule NK preattivate oppure ad AFM13, da soli.

Lo studio monocentrico ha incluso 22 pazienti ( età media, 40 anni; intervallo, 20-70; 68% maschi ) con linfomi CD30-postivi recidivanti o refrattari che avevano ricevuto in precedenza una mediana di 7 linee terapeutiche ( intervallo, 1-14 ).

Tutti i partecipanti allo studio avevano avuto una progressione della malattia nonostante l'uso di Brentuximab vedotin, e tutti i pazienti tranne uno avevano precedentemente ricevuto un inibitore del checkpoint immunitario.

I partecipanti allo studio hanno ricevuto chemioterapia linfodepletiva, seguita da due cicli di infusioni di cellule AFM13-NK a una distanza mediana di 56 giorni, oltre a dosi settimanali di AFM13 dopo le infusioni di terapia cellulare.

AFM13 è un anticorpo bispecifico che si lega a CD16A sulla superficie delle cellule NK e a CD30, un antigene presente su tutte le cellule del linfoma di Hodgkin e in una proporzione considerevole di linfomi a cellule T.

Il follow-up mediano è stato di 9 mesi ( intervallo, 1-19 ).

Non è stata osservata alcuna tossicità dose-limitante durante lo studio. La dose raccomandata per lo studio di fase 2 è stata definita pari a 10(8) cellule NK/kg.

Non sono stati evidenziati casi di sindrome da rilascio di citochine, sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immuni o malattia del trapianto contro l'ospite.

17 pazienti su 19 hanno ottenuto una risposta metabolica alla terapia, pari a un tasso di risposta complessivo dell'89.5%: 10 pazienti con risposta completa e 7 con risposta parziale.

Tutti e 13 i pazienti che hanno ricevuto la dose raccomandata di fase 2 hanno presentato una risposta metabolica alla terapia, di cui 8 con risposte complete e 5 con risposte parziali.

6 dei pazienti trattati con la dose raccomandata di fase 2 avevano risposte in corso al momento del cutoff dei dati, inclusi 2 pazienti con risposte in corso 10 mesi dopo l'infusione.

A 9 mesi, è stato notato un tasso di sopravvivenza priva di eventi ( EFS ) del 52% e un tasso di sopravvivenza globale ( OS ) dell'81% a tutti i livelli di dosaggio. ( Xagena2022 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting, 2022

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro