Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Bringhen - Mieloma

Liso-cel ha migliorato in modo significatio gli esiti nel linfoma diffuso a grandi cellule B di seconda linea


Lisocabtagene maraleucel ( Breyanzi; Liso-cel ), come seconda linea, ha più che quadruplicato la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), rispetto alla terapia standard per i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) recidivato o refrattario.
Lisocabtagene maraleucel, una terapia CAR-T diretta contro CD19, ha anche conferito vantaggi significativi nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e nel tasso di risposta completa ( ORR ).

La chemioterapia di salvataggio ha rappresentato per due decenni l'unica scelta per i pazienti con linfoma diffuso a cellule B che avevano una malattia refrattaria primaria o in presenza di una recidiva entro 1 anno dalla chemioterapia di prima linea. Di questi pazienti, normalmente solo un terzo risponde alla terapia e circa un quarto ha remissioni a lungo termine.

Lo studio multicentrico TRANSFORM ha valutato Lisocabtagene maraleucel come terapia di seconda linea per gli adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B precedentemente trattato rispetto al trattamento standard, che includeva la terapia di salvataggio seguita da chemioterapia ad alte dosi e trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche.

L'analisi ha incluso 184 pazienti. I ricercatori hanno assegnato in modo casuale 92 pazienti ( età media, 60 anni; intervallo, 20-74; 48% uomini ) a Liso-cel; gli altri 92 pazienti ( età media 58 anni; range 26-75; 66% uomini ) hanno ricevuto la terapia standard.
Quasi tre quarti dei pazienti in ciascun gruppo di trattamento erano refrattari alla terapia di prima linea.

Quarantatre ( 46.7% ) pazienti nel gruppo terapia standard hanno ricevuto una terapia di salvataggio seguita da chemioterapia ad alte dosi e trapianto allogenico.
In 58 pazienti ( 65% ) nel gruppo Liso-cel è stata instaurata una terapia ponte prima dell'infusione di cellule CAR-T.

Il follow-up mediano è stato di 6.2 mesi ( intervallo 0.9-20 ).

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario, poiché Liso-cel ha migliorato significativamente la sopravvivenza mediana libera da eventi, rispetto alla terapia standard ( 10.1 versus 2.3 mesi; hazard ratio, HR = 0.34; P inferiore a 0.0001 ).
Liso-cel ha anche aumentato significativamente la sopravvivenza mediana senza progressione ( 14.8 vs 5.7 mesi; HR=0.4; P = 0.0001 ).

Il 66% dei pazienti assegnati a Liso-cel ha ottenuto una risposta completa alla terapia, rispetto al 39% dei pazienti assegnati al trattamento standard ( P inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza mediana globale è risultata aumentata nel gruppo Liso-cel al momento del cutoff dei dati; tuttavia, i dati non sono ancora maturi ( HR=0.5; IC 95%, 0.25-1 ).

Non sono stati riportati casi di sindrome da rilascio di citochine ( CTS ) di grado 4 o 5 oppure neurotossicità, e non si sono verificati decessi correlati al trattamento.
Quasi la metà ( 49% ) di tutti i pazienti ha manifestato sindrome da rilascio di citochine, ma la maggior parte dei casi era di grado 1 o 2. Solo un paziente ha sviluppato sindrome CRS di grado 3.
Il 12% dei pazienti ha manifestato neurotossicità, la maggior parte con eventi di basso grado.
Quattro pazienti ( 4% ) hanno presentato neurotossicità di grado 3.

La maggior parte dei pazienti trattati con Liso-cel ha riportato una migliore qualità di vita dopo il trattamento.

La bassa incidenza di sindrome da rilascio di citochine e di neurotossicità ha permesso a molti pazienti di rimanere in ambito ambulatoriale dopo l'infusione di cellule CAR-T.

Questo studio non solo ha dimostrato che Lisocabtagene maraleucel è più efficace, ma presenta un profilo di sicurezza gestibile. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021


Indietro