Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Mortalità tra i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B e disturbi mentali


Sono stati segnalati disturbi mentali nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ), ma mancano studi che esaminino la loro associazione con la mortalità.

È stato condotto uno studio basato sulla popolazione utilizzando database sanitari amministrativi collegati dell’Ontario ( Canada ).
Tutti i pazienti affetti da linfoma diffuso a grandi cellule B di età pari o superiore a 18 anni trattati con terapia a base di Rituximab tra il 2005 e il 2017, sono stati identificati e seguiti fino a marzo 2020.

I disturbi mentali sono stati definiti come preesistenti o postdiagnosi ( dopo inizio del trattamento per linfoma ).
I modelli dei rischi proporzionali di Cox sono stati utilizzati per stimare l'hazard ratio ( HR ) aggiustato tra disturbi mentali e mortalità a 1 anno e per tutte le cause, controllando per le covariate.

Sono stati identificati 10.299 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B. L'età media della coorte era di 67 anni; il 46% dei pazienti erano donne e il 28% aveva un disturbo mentale preesistente.

Al follow-up a 1 anno, 892 pazienti ( 9% ) presentavano un disturbo mentale post-diagnosi e in totale 2.008 pazienti ( 20% ) sono deceduti.

I disturbi mentali preesistenti non sono stati associati alla mortalità a 1 anno ( HR aggiustato=1.06, P=0.25 ), ma i disturbi post-diagnosi lo sono stati ( HR aggiustato=1.51, P=0.0001 ).

Durante un follow-up mediano di 5.2 anni, 2.111 pazienti ( 22% ) presentavano un disturbo mentale post-diagnosi e 4.084 pazienti ( 40% ) sono morti.

Sia i disturbi mentali preesistenti che quelli post-diagnosi sono stati associati a una peggiore mortalità per tutte le cause ( HR aggiustato preesistente=1.12, P=0.0024; HR aggiustato post-diagnosi=1.63, P minore di 0.0001 ).

I pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B e disturbi mentali avevano una mortalità peggiore a breve e a lungo termine, in particolare quelli con disturbi mentali post-diagnosi.

Sono necessari ulteriori studi per esaminare l’utilizzo dei servizi di salute mentale e i fattori che mediano la relazione tra disturbi mentali e mortalità inferiore. ( Xagena2023 )

Gong IY et al, J Natl Cancer Inst 2023; 115: 1194-1203

Emo2023 Onco2023 Psyche2023



Indietro