Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Janssen Oncology

Nivolumab più Brentuximab Vedotin efficace nei pazienti con linfoma mediastinico della zona grigia


Recenti risultati di studi clinici hanno suggerito l'efficacia e la tollerabilità per la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) con Brentuximab vedotin ( Adcetris ) quando somministrato a pazienti con linfoma mediastinico della zona grigia ( MGZL ) recidivante / refrattario.

Sono stati presentati i risultati della coorte MGZL dello studio in aperto di fase 1/2 CheckMate 436.
I pazienti erano stati precedentemente trattati con chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( HCT ) o due o più regimi chemioterapici multi-agente in pazienti non-idonei al trapianto autologo HCT.
Il trattamento è stato somministrato fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile e consisteva in Nivolumab 240 mg per via endovenosa ogni 3 settimane e Brentuximab vedotin somministrato per via endovenosa a 1.8 mg/kg ogni 3 settimane.

Gli endpoint primari dello studio erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato dallo sperimentatore, utilizzando i criteri di Lugano 2014 e la valutazione continua della sicurezza.

In questa analisi sono stati valutati un totale di 10 pazienti. I pazienti hanno ricevuto una mediana di 7 dosi di ciascun farmaco in studio e il tasso ORR valutato dallo sperimentatore è stato del 70% al follow-up mediano di 12.4 mesi.

La risposta completa ( CR ) è stata osservata in 5 ( 50% ) pazienti, con un tempo alla risposta completa compreso tra 1.2 e 4.8 mesi.

Il tasso di sopravvivenza globale ( OS ) a 6 mesi è stato dell'80% ( IC 95%, 40.9-94.6% ) e la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.
I pazienti che hanno raggiunto la risposta completa sono stati indirizzati al trapianto HCT.

Gli eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado ( TRAE ) sono stati segnalati in 9 pazienti su 10, e 3 pazienti hanno presentato un evento TRAE di grado 3.
La neutropenia e la parestesia erano gli eventi TRAE di qualsiasi grado più comuni.
La neutropenia e la trombocitopenia di grado 3 si sono verificate in 1 paziente ciascuno; in 1 paziente è stata segnalata neutropenia febbrile di grado 3.

Un rash maculopapulare di grado 2 immuno-correlato è stato segnalato in 1 paziente, e 1 paziente ha avuto una reazione correlata all'infusione di grado 1.
Durante lo studio non si sono verificati eventi TRAE di grado 4.
In totale ci sono stati 3 decessi, tutti attribuiti alla progressione della malattia.

In conclusione, la combinazione di Nivolumab più Brentuximab vedotin nella coorte MGZL recidivante / refrattaria di questo studio ha mostrato un elevato tasso di risposta globale valutato dallo sperimentatore; i risultati erano coerenti con quelli del linfoma di Hodgkin classico e delle coorti di linfoma primitivo del mediastino a cellule B.
Il trattamento è risultato tollerabile e in linea con le precedenti segnalazioni, indicando che questa combinazione di trattamento può rappresentare una potenziale terapia ponte per il trapianto di cellule ematopoitiche nei pazienti con malattia refrattaria alla chemioterapia. ( Xagena2021 )

Fonte: British Society for Haematology ( BSH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro