Janssen Oncology
ELN 2018
Roche
Ematobase.it

Parsaclisib, un potente inibitore PI3K-delta altamente selettivo, in pazienti con tumori a cellule B recidivati ​​o refrattari


Uno studio di fase 1/2 ha valutato Parsaclisib, un inibitore della fosfatidilinositolo 3-chinasi delta ( PI3K-delta ) di nuova generazione, potente e altamente selettivo, in pazienti con tumori a cellule B recidivanti o refrattari, da soli o in combinazione con un inibitore della Janus chinasi 1 ( Itacitinib ) o chemioterapia ( Rituximab, Ifosfamide, Carboplatino ed Etoposide ).

In tutto 72 pazienti hanno ricevuto la monoterapia a base di Parsaclisib ( 5-45 mg una volta al giorno ).
Le dosi di espansione erano 20 e 30 mg una volta al giorno; è stata esaminata la dose intermittente a 20 mg ( una volta al giorno per 9 settimane, poi una volta alla settimana ).

Non sono state identificate tossicità dose-limitanti e non è stata raggiunta la dose massima tollerata.

Gli eventi avversi più comuni non-ematologici, correlati al trattamento ( TEAE ), sono stati diarrea / colite ( 36% ), nausea ( 36% ), affaticamento ( 31% ) ed eruzione cutanea ( 31% ).

Neutropenia di grado 3/4 si è verificata nel 19% dei pazienti.
TEAE gravi in più di 2 pazienti sono stati diarrea / colite ( n=9 ), piressia ( n=4 ), ipotensione ( n=3 ) e sepsi ( n=3 ).

Gli aumenti di aspartato e alanina transaminasi verificatisi prima dell'interruzione del trattamento erano di grado 1, tranne un evento di grado 3 ciascuno, secondario alla sepsi.

Due pazienti hanno manifestato 3 TEAE fatali non-correlati a Parsaclisib ( insufficienza respiratoria; insufficienza respiratoria e sepsi ).

Nel linfoma non-Hodgkin ( NHL ), i tassi di risposta obiettiva alla monoterapia sono stati del 71% nel linfoma follicolare, del 78% nel linfoma della zona marginale, del 67% nel linfoma a cellule del mantello e del 30% nel linfoma diffuso a grandi cellule B; il 93% delle risposte si i è verificato alla prima valutazione, circa a 9 settimane.

Parsaclisib ha dimostrato attività antitumorale nel linfoma non-Hodgkin a cellule B recidivante o refrattario, con potenzialità di miglioramento degli esiti a lungo termine dei pazienti.
Sono in corso studi di fase 2 su sottotipi di linfoma NHL a cellule B recidivati o refrattari. ( Xagena2019 )

Forero-Torres A et al, Blood 2019; 133: 1742-1752

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro