GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen

Pazienti anziani con linfoma non-Hodgkin ad alto rischio di eventi di tossicità correlati al trattamento


Uno studio retrospettivo ha identificato un alto rischio di effetti tossici nei pazienti più anziani con linfoma non-Hodgkin ( NHL ) trattati con chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule ematopoietiche ( AHCT ).

L'uso della chemioterapia ad alte dosi e del trapianto AHCT in una popolazione di pazienti più anziani non è stato valutato a sufficienza.
L' analisi retrospettiva aveva come obiettivo quello di valutare se questa terapia di combinazione fosse associata ad alto rischio di tossicità o mortalità.

Un totale di 346 pazienti di età pari o superiore a 60 anni con linfoma non-Hodgkin trattati con Carmustina, Etoposide, Citarabina e Melfalan ( BEAM ) e trapianto AHCT presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center tra il 2000 e il 2018 sono stati esaminati retrospettivamente per gli esiti.

I pazienti erano rappresentati dal 34% di donne, età media era di 65.8 anni ( range, da 60 a 77 ); il 39.3% aveva un linfoma diffuso a grandi cellule B, il 34.4% aveva un linfoma mantellare, il 17.6% aveva il linfoma NHL a cellule T e il 6.1% aveva un linfoma follicolare.

Tutti tranne 23 pazienti hanno presentato tossicità di grado 3 o superiore da 7 giorni prima a 100 giorni dopo il trapianto AHCT.
I pazienti di età compresa tra 60 e 69 anni hanno avuto un numero mediano di 2 eventi ( range, da 0 a 10 ) e i pazienti di età pari o superiore a 70 anni hanno presentato 3 eventi ( range, da 1 a 13 ).

La tossicità cardiovascolare era più probabile tra la coorte più anziana ( rapporto di rischio aggiustato [ aHR ], 3.39; IC 95%, 2.26-5.10 ) e tra i pazienti con bassa conta assoluta di linfociti ( inferiore a 0.5 K/µL; hazard ratio, HR, 1.63; IC 95%, 1.11-2.39 ) e albumina pre-trapianto ( inferiore a 4.10 g/dL; HR, 1.80; IC 95%, 1.23-2.63 ).
Il rischio di tossicità orale o gastrointestinale è risultato aumentato tra i pazienti con una bassa dose di cellule staminali CD34 [ inferiore a 5.05 × 10(6) cellule/kg; HR, 1.75; IC 95%, 1.30-2.35 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 8.32 anni ( IC 95%, 6.10-13.22 ) e la sopravvivenza globale è stata di 10.45 anni ( IC 95%, 8.24-13.22 ).

Questo studio presenta il limite del disegno retrospettivo e dalla ridotta dimensione del campione.

Questi dati hanno indicato che i pazienti più anziani che ricevevano trattamento chemioterapico BEAM e trapianto autologo di cellule ematopoietiche per il linfoma non-Hodgkin sono ad alto rischio di eventi di tossicità. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood Advances, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro