Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Celgene Ematologia

Pirtobrutinib, un inibitore non-covalente della tirosin chinasi di Bruton: risultati promettenti nei pazienti con linfoma mantellare fortemente pretrattato


L'inibitore non-covalente della tirosin chinasi di Bruton ( BTK ) Pirtobrutinib ha un'efficacia promettente e risulta tollerato nei pazienti, fortemente pretrattati, con linfoma a cellule mantellari ( MCL ) e altri linfomi non-Hodgkin ( NHL ).

Gli inibitori di BTK hanno una marcata efficacia nel linfoma MCL e in altri linfomi NHL, ma molti pazienti sviluppano resistenza o interrompono il trattamento per eventi avversi.
Pirtobrutinib è un inibitore non-covalente BTK che mira a superare queste limitazioni.

BRUIN è uno studio multicentrico di fase 1/2 per determinare la sicurezza e l'efficacia di Pirtobrutinib.
Lo studio ha arruolato pazienti con tumori a cellule B in fase avanzata, già sottoposti a due o più terapie precedenti.

Sono stati presentati i risultati per i pazienti con linfoma a cellule mantellari, macroglobulinemia di Waldenstrom ( WM ) e altri linfomi NHL.

Nello studio non si sono verificate tossicità limitanti la dose. Gli eventi avversi più comuni sono stati: affaticamento, diarrea e contusione.
La dose di fase 2 è stata fissata a 200 mg una volta al giorno.

Un totale di 56 pazienti con linfoma a cellule mantellari erano disponibili per la valutazione dell'efficacia.
Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 52%, con 14 risposte complete ( CR ), 15 risposte parziali ( PR ) e 10 pazienti con malattia stabile ( SD ) dopo un follow-up mediano di 6 mesi.
Il tasso ORR era lo stesso per i pazienti precedentemente trattati con un inibitore di BTK.

Un totale di 55 pazienti presentavano altri linfomi NHL: 25 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ), 8 pazienti con linfoma follicolare ( FL ), 9 pazienti con linfoma della zona marginale ( MZL ) e 8 pazienti con trasformazione di Richter ( RT ).
I migliori tassi ORR osservati con ciascun tipo di malattia sono stati i seguenti: DLBCL, 24%; FL, 50%; MZL, 22%; e RT, 75%.

In 19 pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom, il migliore tasso di risposta globale è stato del 68%.
Il tasso ORR era simile per i pazienti che erano stati precedentemente trattati con un inibitore di BTK.

Dallo studio è emerso che Pirtobrutinib ha un'efficacia promettente nei pazienti con linfoma a cellule mantellari che hanno ricevuto più trattamenti in precedenza, incluso il trattamento con un inibitore covalente di BTK.
Pirtobrutinib è anche promettente per i pazienti con altri linfomi NHL, ed è ben tollerato. ( Xagena2021 )

Fonte: British Society for Haematology ( BSH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro