Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Rischio di diabete e impatto sul diabete preesistente nei pazienti con linfoma trattati con immunochemioterapia contenente steroidi


I trattamenti di prima linea per i linfomi spesso includono dosi elevate di Prednisolone, ma non sono noti i rischi di diabete mellito di nuova insorgenza o di peggioramento del diabete preesistente dopo il trattamento con corticosteroidi ciclici ad alte dosi.

Uno studio di coorte ha confrontato pazienti con linfoma non-Hodgkin ( NHL ) trattati con immunochemioterapia contenente steroidi ( R-CHOP-like e R-CVP ) tra il 2002 e il 2015 con individui della popolazione danese per studiare i rischi di diabete di nuova insorgenza.

Per i pazienti con diabete preesistente, sono stati valutati i rischi di dipendenza dall'Insulina e di malattie cardiovascolari associate alle antracicline.
In totale, sono stati inclusi 5.672 pazienti con linfoma NHL e 28.360 comparatori abbinati.

I rapporti dei tassi di incidenza variabili nel tempo ( IRR ) hanno mostrato un aumento del rischio di diabete nel primo anno dopo il trattamento rispetto ai comparatori abbinati, con il tasso IRR più alto di 2.7.

I rischi assoluti sono stati maggiori tra i pazienti nei primi 2 anni, ma la differenza è stata clinicamente insignificante.
I pazienti con linfoma NHL con diabete preesistente hanno avuto un rischio aumentato di prescrizioni di Insulina con differenze di rischio cumulativo di 0.5, 5 e 10 anni del trattamento con Insulina di 15.3, 11.8 e 6.0 unità percentuali rispetto ai farmaci di confronto.

In un'analisi di riferimento a 1 anno, i pazienti con diabete con linfoma hanno mostrato un rischio ridotto di dipendenza dall'Insulina rispetto ai farmaci di confronto.

I tassi IRR variabili nel tempo hanno mostrato un rischio di malattia cardiovascolare più elevato per i pazienti con linfoma NHL con diabete rispetto ai farmaci di confronto nel primo anno dopo il trattamento.

I pazienti con linfoma non-Hodgkin trattati con regimi di immunochemioterapia contenenti steroidi hanno un aumento del rischio di diabete clinicamente insignificante nel primo anno dopo il trattamento, e i pazienti con diabete preesistente hanno un aumento temporaneo del rischio di prescrizioni di Insulina e malattia cardiovascolare. ( Xagena2022 )

Baech J et al, Blood Adv 2022; 6: 4427-4435

Emo2022 Onco2022 Endo2022 Farma2022



Indietro