Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Tossicità ed efficacia della terapia con cellule CAR-T nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B di età superiore a 70 anni rispetto ai pazienti più giovani


I dati relativi all'efficacia e alla tossicità della terapia con cellule T del recettore chimerico dell'antigene ( CAR-T ) nella popolazione anziana e geriatrica sono insufficienti.
Nel 2019, Tisagenlecleucel ( Tisa-cel; Kymriah ) e Axicabtagene-ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta ) sono stati approvati per il linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario.

Da maggio 2019 in poi, 47 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario, di età maggiore o uguale a 70 anni, sono stati sottoposti a linfoferesi in tre Centri israeliani.
I pazienti anziani ( n=41, età media 76.2 anni ) e giovani ( n=41, età media 55.4 anni ) sono stati abbinati in base al performance status ECOG e ai livelli di lattosio deidrogenasi.

Non ci sono state differenze nel rapporto CD4/CD8 ( P=0.94 ), nella percentuale di CD4 naive ( P=0.92), percentuale di CD8 naive ( P=0.44 ) e nei marcatori di esaurimento ( sia HLA-DR che PD-1 ) tra le cellule CAR-T prodotte in entrambe le coorti.

In tutto 41 pazienti anziani ( 87% ) hanno ricevuto l'infusione di cellule CAR-T.

Non ci sono state differenze nell'incidenza della sindrome da rilascio di citochine di grado maggiore o uguale a 3 ( P=0.29 ), neurotossicità di grado maggiore o uguale a 3 ( P=0.54 ) e durata dell'ospedalizzazione ( P=0.55 ) tra i pazienti anziani e quelli più giovani.

Non c'è stata differenza nell'espansione mediana delle cellule D7-CAR-T ( P=0.145 ).
I tassi di risposta sono stati simili tra i due gruppi ( risposta completa [ CR ] 46% e risposta parziale [ PR ] 17% nel gruppo di anziani, P=0.337 ).

La mortalità non-dovuta a recidiva a 1 e 3 mesi è stata 0 in entrambi i gruppi.
Con un follow-up mediano di 7 mesi, la sopravvivenza globale libera da progressione e la sopravvivenza globale a 6 e 12 mesi nei pazienti anziani sono state rispettivamente del 39% e 32%, e del 74% e 69%.

I questionari EORTC QLQ-C30, ottenuti a 1 mese, hanno mostrato un peggioramento della disabilità e dei sintomi correlati al tumore nei pazienti anziani rispetto a quelli più giovani.

Gli esiti della terapia con cellule CAR-T sono comparabili tra i pazienti anziani, geriatrici e più giovani, indicando che l'età di per sé non dovrebbe precludere la somministrazione di cellule CAR-T.
Una terapia riabilitativa più lunga è essenziale per migliorare le disabilità e i sintomi a lungo termine. ( Xagena2022 )

Ram R et al, Haematologica 2022; 107: 1111-1118

Emo2022 Onco2022 Med2022 Farma2022


Indietro