ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Valutazione dell'intensità del trattamento come predittore di beneficio nel linfoma diffuso a grandi cellule B


In base ai risultati di uno studio retrospettivo di coorte riguardante pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ), l'intensità media della dose relativa ( ARDI ) del trattamento immunochemioterapico a base di Rituximab, Doxorubicina, Ciclofosfamide, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ) è un predittore di esiti clinici, indipendente dall'indice prognostico internazionale ( IPI ), per questa popolazione di pazienti.

L' indice IPI, una valutazione di specifici fattori di rischio correlati al paziente e alla malattia, è stato precedentemente dimostrato di prevedere la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) nei pazienti con linfoma DLBCL.

L'obiettivo dello studio era quello di valutare l'ARDI di R-CHOP, una valutazione del valore medio dell'intensità della dose relativa dell'intero regime immunochemioterapico, come un predittore indipendente di esiti clinici in una coorte di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B.

Hanno preso parte allo studio 223 pazienti con linfoma DLBCL che hanno ricevuto almeno 4 cicli di trattamento di prima linea con R-CHOP tra il 2005 e il 2013.
L'ARDI di R-CHOP è stato determinato per tutti i cicli per ciascun paziente utilizzando un programma per computer appositamente sviluppato.
I fattori presi in considerazione includevano la superficie corporea del paziente e le dosi pianificate ed effettive dei farmaci somministrati, nonché le date di somministrazione del farmaco.
L'indice IPI è stato calcolato per tutti i pazienti al momento della diagnosi.

Le analisi multivariate hanno mostrato un ARDI per R-CHOP di oltre il 90% da associare a prolungata sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio [ HR ] = 0.31, intervallo di confidenza al 95% [ IC ], 0.20-0.47 ) e sopravvivenza globale ( HR = 0.32; IC 95%, 0.21-0.48 ) ( P inferiore a 0.00001 ), indipendentemente dall'indice IPI.

La causa più comune del più basso valore di ARDI era la neutropenia, che si è verificata in quasi la metà dei pazienti, con cardiotossicità che ha portato a una riduzione della dose di alcuni degli agenti citotossici in circa il 20% dei pazienti arruolati nello studio.

In conclusione, l'introduzione precoce della profilassi della neutropenia e dei metodi di cardioprotezione sono particolarmente importanti per mantenere l'ARDI di R-CHOP a livelli superiori al 90% nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B. ( Xagena2019 )

Fonte: Cancer Medicine, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro