Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Venetoclax nei pazienti con linfoma mantellare recidivante


E' stata riportata l'attività di Venetoclax ( Venclyxto ) nei pazienti con linfoma mantellare recidivante ( MCL ).
Sono stati identificati 81 pazienti trattati con Venetoclax in monoterapia ( n=50, 62% ) o in combinazione con un inibitore della tirosina chinasi di Bruton ( BTK ) ( n=16, 20% ), un anticorpo monoclonale anti-CD20 ( n=11, 14% ) o altri agenti attivi in ​​12 Centri medici accademici statunitensi.

I pazienti presentavano caratteristiche della malattia ad alto rischio, tra cui Ki67 superiore al 30% ( 61% ), istologia blastoide / pleomorfa ( 29% ), cariotipo complesso ( 34% ) e alterazioni TP53 ( 49% ) e hanno ricevuto una media di 3 precedenti trattamenti inclusi inibitori della tirosin-chinasi di Bruton nel 91% dei casi.

Venetoclax da solo o in combinazione ha determinato un tasso di risposta globale ( ORR ) del 40% e una sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) e una sopravvivenza globale ( OS ), rispettivamente, di 3.7 e 12.5 mesi.

In un'analisi univariata, il ricevimento di 3 precedenti trattamenti o meno è stato associato a probabilità più elevate di risposta a Venetoclax.

In un’analisi multivariata, un punteggio MIPI ( Mantle Cell Lymphoma International Prognostic Index ) ad alto rischio prima di ricevere Venetoclax e una recidiva o progressione della malattia entro 24 mesi dalla diagnosi sono stati associati a una ridotta sopravvivenza globale, mentre l’uso di Venetoclax in combinazione è stato associato a una maggiore sopravvivenza globale.

Sebbene la maggior parte dei pazienti ( 61% ) presentasse un basso rischio di sindrome da lisi tumorale ( TLS ), il 12.3% dei pazienti ha sviluppato sindrome da lisi tumorale nonostante l’attuazione di diverse strategie di mitigazione.

In conclusione, Venetoclax ha prodotto un buon tasso di risposta obiettiva ma una ridotta sopravvivenza senza progressione nei pazienti con linfoma mantellare ad alto rischio e potrebbe avere un ruolo migliore nelle linee di trattamento precedenti e/o in combinazione con altri agenti attivi.
La sindrome da lisi tumorale rimane un rischio importante nei pazienti affetti da linfoma mantellare che iniziano il trattamento con Venetoclax. ( Xagena2023 )

Sawalha Y et al, Blood Adv 2023; 7: 2983-2993

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro